Ostenda

Dove trovare il mare in Belgio? A Ostenda, città con una spiaggia meravigliosa, un vivace lungomare, navi storiche e street food a base di pesce.

Andare a vedere il mare in Belgio, perché no? La città di Ostenda (in olandese Oostende, in francese Ostende), lungo la costa delle Fiandre, è la località perfetta per chi ama l’odore di salsedine, il fragore delle onde, il fascino dei mari del nord e la cucina a base di pesce, ma anche per chi vuole vedere una località diversa dalle mete turistiche più battute.

La storia di Ostenda, uno dei porti più importanti del Belgio, è tutta legata al mare, ma curiosamente la sua spiaggia di sabbia finissima, lunga ben 10 km, è in realtà una spiaggia artificiale, creata per contenere l’invasione del mare verso la terra.

Seppur artificiale ha una fascino suggestivo e invita a rilassanti passeggiate. Sdraiarsi al prendere il sole potrebbe non essere così piacevole a causa dei forti venti, ma se volete provare un’esperienza originale potete fare come la gente del posto ed affittare la versione locale di sdraio e ombrellone, ovvero una piccola tenda in tela dietro cui ripararvi.

Il lungomare è ricco di negozi, bar e ristoranti dove potrete gustare le specialità culinarie locali: la sogliola atlantica e i pomodori ripieni di gamberi. Anche lo street food è a base di pesce, un trionfo di crocchette di gamberi, zuppe piccanti con le lumache, merluzzi essiccati, ostriche.

In passato Ostenda fu la località balneare prediletta dalla borghesia belga, che ha lasciato in eredità alla città sontuosi palazzi. Oggi Ostenda è cosmopolita e dinamica, ma mantiene un fascino regale e un nostalgico sapore di sale.

Cosa vedere a Ostenda

La cosa più piacevole da fare a Ostenda è senza dubbio una camminata lungo il Visserskaai, il molo del porto urbano, fiancheggiato da una quantità incredibile di bar, ristoranti e bancarelle di street food. Il pesce è l’indiscusso protagonista della proposta culinaria.

Terminato il Visserskaai inizia la promenade Albert I, un ampio viale pedonale parallelo alla spiaggia che rappresenta un po’ il cuore pulsante del centro cittadino.

Casinò

Uno degli edifici simbolo della città di Ostenda è il monumentale Casino Kursaal Oostende in stile modernista che si affaccia sulla promenade Albert I, costruito dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Testimonianza del passato glorioso in cui Ostenda era la località balneare della borghesia, oggi ospita la sala casinò con slot machines e tavoli da poker, roulette e blackjack più bar, ristorante e un auditorium per concerti e spettacoli.

Fort Napoleon

Fort Napoleon a Ostenda

Fort Napoleon è una fortezza difensiva a pianta pentagonale costruita per volontà di Napoleone Bonaparte nel 1812 per sventare un’eventuale attacco da parte degli inglesi. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu usata come quartier generale dell’artiglieria tedesca.

Nonostante le varie guerre, la fortezza è rimasta pressoché intatta e un recente restauro l’ha riportata agli antichi splendori.

È una vista impressionante nel suo insieme, anche grazie alla sua strategica e al tempo stesso suggestiva posizione quasi in riva al mare, ma il museo al suo interno è poco interessante. Potete godervi una bella vista sul forte senza pagare il biglietto d’ingresso bevendo qualcosa alla caffetteria della fortezza.

Monumenti e sculture

Passeggiando per il centro di Ostenda vi capiterà di imbattervi in monumenti e sculture di epoche e stili diversi.

Il monumento più toccante è il monumento ai caduti del mare, un’altissima stele commemorativa simile ad un obelisco lungo la promenade Albert I. Alla sua sommità, dal lato del mare, si trova la statua di un marinaio che guarda fiducioso l’orizzonte; ai piedi della stele, dal lato opposto rispetto al mare, si trova la statua di un marinaio raccolto in preghiera sotto a un’enorme croce.

Vi susciterà emozioni completamente diverse la bizzarra Rock Strangers, un’installazione dell’artista Arne Quinze costituita da enormi blocchi arancioni che spuntano dal suolo cittadino quando uno meno se lo aspetta. Lo scopo dell’artista era provocare curiosità e stupore: secondo noi c’è riuscita.

Un’altra scultura contemporanea che non passa inosservata è Dansende Golven (onde danzanti) di Patrick Steen, non lontana dal Casinò: due figure danzanti in riva al mare la cui silhouette evoca il fluttuare delle onde del mare.

Se siete appassionati d’arte contemporanea o street art tenete gli occhi aperti mentre girate per Ostenda perché potrete avvistare molte altre opere interessanti.

Musei di Ostenda

La città di Ostenda è ricca di musei, ecco quelli da non perdere:

  • Museumschip Amandine: museo interattivo ospitato all’interno di una nave usata per la pesca nei mari d’Islanda in funzione fino agli anni Novanta. Fu l’ultima nave usata per questi scopi e il suo arrivo al porto di Ostenda nel corso del suo ultimo viaggio sancì la fine della pesca in Islanda da parte di navi belghe. Completamente restaurata, ospita una mostra permanente che vi farà conoscere le dure condizioni di lavoro dei marinai.
  • Mercator: altro museo a tema nautico, in questo caso ospitato all’interno di un veliero costruito negli anni Trenta e usato fino agli Sessanta per la formazione della marina belga. Si trova a fianco della nave Amandine.
  • Mu.Zee: museo di arte belga moderna e contemporanea, espone una collezione permanente con opere dal 1830 a oggi e organizza mostre temporanee.
  • Stadsmuseum Oostende: museo cittadino che ripercorre la storia di Ostenda e l’importanza delle attività economiche legate al mare (pesca, turismo e cantieri navali) con oggetti d’artigianato, poster, documenti storici e installazioni interattive.
  • Casa James Ensor: una casa-museo dedicata all’artista James Ensor, pittore e illustratore belga che influenzò importanti artisti espressionisti e surrealisti. La casa, sontuosamente arredata, è ricca di oggetti curiosi e bizzarrie.

Cattedrale di San Pietro e San Paolo

La chiesa più bella di Ostenda è la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, un maestoso edificio in stile neogotico costruito nel 1907 con le caratteristiche guglie gemelle che svettano nel cielo della città e splendide vetrate decorate.

All’interno della chiesa, dietro l’altare principale, si trova la tomba di Louise-Maria, la regina del Belgio che morì a Ostenda. Può essere visitata solo su richiesta.

Kusstram

Un modo originale ed ecologico per ammirare la bellezza della costa di Ostenda – e oltre – è il Kusstram, o Coastal Tram: un trenino che collega la città di De Panne a Knok correndo sempre lungo la costa per un totale di circa 70 km.

A Ostenda effettua diverse fermate e può quindi essere usato come mezzo cittadino, ma se avete più tempo a disposizione prendetevi mezza giornata o una giornata intera per un affascinante viaggio in tram lungo la costa delle Fiandre.

Potete scegliere tra diversi biglietti: corsa singola, 1, 3 o 5 giorni, tram+escursione turistica, biglietto settimanale.

Dove dormire a Ostenda

Con più di 50 alberghi tra cui scegliere non avrete difficoltà a trovare hotel per il vostro soggiorno a Ostenda. Il rapporto qualità-prezzo è in genere molto buono, per cui anche se viaggiate con un budget ridotto riuscirete a trovare una sistemazione confortevole.

Come raggiungere Ostenda

La città di Ostenda dispone di un aeroporto che si trova a soli 5 km dal centro cittadino, purtroppo però non è collegato all’Italia da voli diretti.

Meglio prendere un volo per Bruxelles e poi spostarsi in treno o con un’auto a noleggio. I collegamenti ferroviari tra Bruxelles e Ostenda sono molto buoni e il viaggio poco più di un’ora.

Mappa

Alloggi Ostenda

Cerchi un alloggio a Ostenda?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili a Ostenda
Mostrami i prezzi